#iostoconlareggiana

#iostoconlareggiana

Non è il momento di avviare un processo ai granata ma di far sentire il proprio incoraggiamento per difendere un patrimonio che appartiene alla città

La Reggiana è in crisi è evidente: di risultati e di gioco. Abbiamo smarrito la nostra identità. Siamo nelle stesse condizioni di dicembre o forse peggio. Possiamo accusare tutti: con la società, l’allenatore, i giocatori, lo staff tecnico, i campi d’allenamento, il vento, la pioggia o i giornalisti ma in questo momento non mi va di fare il giudice e dare il via al processo. Penso sia inutile e controproducente. La serie B è un patrimonio troppo importante per la città, per il club ma soprattutto per gli sportivi reggiani. Non parlo del tifo più radicato perchè gli ultrà seguiranno sempre la Reggiana anche nei dilettanti, come hanno già fatto due anni. Quando penso che gli sportivi reggiani non hanno prima potuto godere per la promozione in serie B dopo 21 anni e non hanno partecipato a questo campionato, credo sia un’ingiustizia non poter regalare loro questa gioia.

I reggiani se la sono meritata nel corso di questi 21 anni. Per questo motivo mi tappo il naso e gli occhi e il mio unico pensiero è come riuscire ad aiutare la Reggiana a riavviare il motore per raggiungere la salvezza. Non mi importa se direttamente o ai play out. Mi chiedo solo: come possiamo fare da spettatori reclusi davanti al televisore o davanti al computer, far sentire a Rozzio e compagni la nostra voce d’incoraggiamento? Vorrei tanto che i nostri “abbonati” ai social provassero, per una volta, a mandare un messaggio d’incoraggiamento anziché a scrivere le loro, anche giuste, critiche.

Del resto non è che ora possiamo cambiare la storia di questo campionato se chiediamo che giochi questo o quel giocatore, se invochiamo l’esonero di Alvini o se ci sfoghiamo contro la classe arbitrale. Non serve, in questo momento, lasciarsi trasportare dallo sfogo “io ve l’avevo detto”. Ci sarà anche il tempo per dare il via ai processi però tenete presente che ciò che oggi stiamo perdendo potrebbe essere devastante per il futuro. Per questo motivo non mi va di puntare il dito ma preferisco tendere la mano alla Reggiana.

Wainer Magnani
ADMINISTRATOR
PROFILE

Articoli correlati

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. I dati necessari sono contrassegnati con *

Ultimi Articoli

Autori

Commentati

Video in evidenza