Non voglio soffrire per l’ennesimo rimpianto

Non voglio soffrire per l’ennesimo rimpianto

Si può passare per illusi o stolti ma la Reggiana ha ancora la possibilità di agguantare i play out e deve fare di tutto per provarci altrimenti avranno sempre questo tarlo nella testa

L’amarezza e la delusione della “botta a caldo” ha lasciato spazio alla lucida analisi del giorno dopo e allora non mi rassegno all’idea di scendere in serie C.

Non credo sia sensato pensato di arrendersi. Non mi rassegno perché c’è ancora una possibilità di agganciare i play out e ritengo sia giusto giocarcela fino alla fine. Lo so che mi darete dell’illuso, del visionario o dello stolto ma è cosi’. Calendario alla mano venerdi’ sera potremmo ritrovare il Pordenone fermo a 41 punti (sconfitto a Venezia) l’Ascoli a 42 punti (pari col Cittadella) e il Cosenza a 35 punti (sconfitto col Monza). Resta un dubbio: cosa farà il Vicenza a Frosinone. Al Vicenza basta un punto per la salvezza ma il Frosinone reduce dalla vittoria di Ferrara è in grande ripresa.

E poi con la Reggiana ha un debito di riconoscenza. Se il Vicenza perde resta a 44 punti.
Sono previsioni realistiche, come quelle che avevamo ipotizzato per le partite di martedI’: sconfitta del Pordenone e del Cosenza. L’Ascoli è andato oltre con un pari ma la sorpresa, in negativo, è stato il Vicenza. E sono risultati che concedono ancora una possibilità alla Reggiana. Certo anche al Cosenza perché se batte il Monza e va a vincere a Pordenone si giocherà i play out. E se ci crede il Cosenza perché non ci dovrebbe credere la Reggiana?
C’è solo una grande incognita: la Reggiana riuscirà a battere la Spal. Sulla carta, si potrebbe dire, è impossibile per il valore dell’avversario ma se cosi’ fosse la Spal non sarebbe fuori dai play off e soprattutto non sarebbe reduce da tre sconfitte di fila contro Ascoli, Brescia e Frosinone. Una Spal che nelle ultime 9 partite ha fatto 9 punti. E vincere con la Spal significa, sempre stando alle previsioni di risultato, scavalcare il Cosenza e giocarsi l’ultima partita a Vicenza con 37 punti e la possibilità di agguantare i play out. Esiste anche la possibilità di arrivare a 40 punti e retrocedere perché Cosenza e Pordenone (41 punti) andranno ai play out. Questo per dire che tutto è ancora possibile.
So benissimo quali sono le vostre riflessioni e critiche: se la Reggiana non ha vinto a Pescara contro una squadra che si sentiva già retrocessa, come può pensare di battere la Spal. Avete ragione ma credo che in questo momento tra Reggiana e Spal a livello di motivazioni e di condizione non ci sia una grandissima differenza. In queste partite sono le motivazioni a fare la differenza e per questo motivo dico che “non è finita finché non è finita” a costi di appare uno stolto o un illuso. Certo, mi aspetto una reazione vera dai giocatori. Una lucida analisi dall’allenatore e anche una compattezza a livello societario e di ambiente. In fondo basta aspettare cinque giorni e poi si potranno fare tutti i processi di questo mondo. Ma vorrei non avere questo ultimo rimpianto: retrocedere perchè non ho creduto nella possibilità di giocarmi i play out.

Wainer Magnani
ADMINISTRATOR
PROFILE

Articoli correlati

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. I dati necessari sono contrassegnati con *

Ultimi Articoli

Autori

Commentati

Video in evidenza