Alla Reggiana serve una “scintilla”

Alla Reggiana serve una “scintilla”

A Reggio Calabria i granata inseguono una vittoria che manca da nove giornate. Serve un cambio di passo, ritrovare la mentalità dei tempi migliori e credere nella possibilità di ritrovarsi sabato sera in corsa per la salvezza

Tra sentenze del giudice sportivo, ipotesi di ricorsi, clausole e discussioni varie ci siamo dimenticati che sabato la Reggiana avrà un importante impegnato a Reggio Calabria contro la Reggina.

Una partita fondamentale per la classifica ma soprattutto per ritrovare credibilità, fiducia e autostima nel rincorrere la salvezza. Una salvezza che è ancora alla portata della squadra di Alvini anche se, per ora, attraverso i play out. Poi tutto è possibile perché l’Ascoli non è cosi’ lontano e anche il Pordenone potrebbe ulteriormente scivolare nelle sabbie mobili.

Certo, la salvezza non dipende solo dalla Reggiana perché deve anche sperare nelle disgrazie altrui ma per il momento Rozzio e compagni devono pensare a fare la loro parte, quindi a provare a vincere al Granillo. Un successo che – ricordiamo – manca dal 20 febbraio (Cittadella-Reggiana 0-3) e che sta iniziando a pesare perché sono nove partite senza vittoria.

La sfida contro la Reggina è ricca di insidie, per il valore dell’avversario (squadra costruita per recitare un campionato di vertice) e per le motivazioni che accompagnano Di Chiara e compagni che vedono la possibilità di agganciare un posto nei play off: sono a tre punti dal Cittadella. Ma detto questo è sbagliato pensare che sia una partita segnata perché la Reggiana è anche nelle condizioni di poter giocare alla pari contro la Reggina. Certo non può pensare di fare una partita passiva perché la sua organizzazione difensiva è lacunosa, come dimostrato i 50 gol subiti.

Una Reggiana che dovrà sfruttare quelle che sono le sue qualità offensiva e i giocatori che possono fare la differenza. Forse questa è la chiave di un possibile successo: ritrovare quella capacità offensiva che aveva caratterizzato la Reggiana lo scorso anno e anche nella prima parte della stagione. Occorre ritrovare una mentalità che privilegi le caratteristiche dei granata rispetto alla mentalità di adattarsi all’avversario.

A cinque giornate dalla fine non è semplice fare questo cambiamento ma è nelle corde del suo tecnico e dello “zoccolo duro” di questa squadra.Per credere nella salvezza serve una scintilla, cioè una vittoria e poi è pure possibile che sabato sera la Reggiana si ritrovi in una classifica che la vede in piena zona play out, a un soffio anche dalla possibilità di pensare anche alla salvezza diretta. E in questo caso il futuro potrebbe assumere una visione più rosea rispetto agli uomini attuali. In fondo basta poco per crederci.

Wainer Magnani
ADMINISTRATOR
PROFILE

Articoli correlati

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. I dati necessari sono contrassegnati con *

Ultimi Articoli

Autori

Commentati

Video in evidenza