Aspettando l’avversaria della Reggiana. Chi vorreste incontrare lunedì sera?

Aspettando l’avversaria della Reggiana. Chi vorreste incontrare lunedì sera?

Dalla vincente di queste cinque sfide uscirà giovedi l’avversario della Reggiana, Carpi a parte che viene indicata come la miglior terza e quindi sarà la quarta testa di serie oltre a Reggiana, Bari e Carrarese che giocheranno tra le mura amiche. Occorre tenere conto che in questa prima fase dei play off nazionali in caso di parità al novantesimo si qualificato le squadre che hanno giocato in casa perché definite “teste di serie”.

La domanda più scontata: chi vorreste incontrare?
Proviamo ad analizzare le possibili avversarie.
Vediamo di analizzare la sfida Monopoli-Ternana
Il Monopoli di mister Beppe Scienza è una squadra che vanta la miglior difesa (22 gol subiti in 30 partite) dopo la Reggiana e ha realizzato 40 gol, quindi attacco del girone. Una squadra che ha fatto più punti in trasferta (31) che tra le mura amiche (26) ma soprattutto è una squadra che non conosce mezze misure: vince (18) o perde (9) dato che ha pareggiato solo tre volte. Il bomber è Fella con 17 reti di cui solo una su rigore.
La Ternana è la finalista della Coppa Italia persa con la Juventus, il mister è Fabio Gallo, tecnico esperto come del resto la squadra che vanta atleti di valore come Defendi, Furlan, Torromino, Marilungo e soprattutto Vantaggiato. Sono 38 i gol realizzati e 29 quelli subiti. Il goleador della squadra è Partipilo con 6 reti. Usa un classico modulo 4-3-3 con il tridente formato da Partipilo-Marilungo e Defendi avendo come alternative Ferrante, Vantaggio e Furlan.
Nella prima partita giocata ha eliminato il Catania. Questa la formazione schierata da Gallo.
Ternana (4-3-3): Iannarilli; Parodi, Diakité, Bergamelli, Mammarella; Verna (35′ st Vantaggiato), Salzano, Palumbo (12′ st Paghera); Partipilo (15′ st Ferrante), Marilungo (35′ st Nesta), Defendi (Cap., 15′ st Furlan). A disp.: Tozzo, Marcone, Russo, Sini, Celli, Damian, Torromino. All.: Fabio Gallo
Altra sfida interessante è Juventus U23 – Padova
La Juventus di Pecchia (che cederà il posto a Pirlo) ha vinto la Coppa Italia e ha dimostrato di avere giovani di qualità ma anche elementi esperti di buona affidabilità. La Juventus ha il decimo attacco del girone (30 reti) e la 14esima difesa del girone con 34 reti subite. Una squadra che, però, perde e vince poche partite (8 vittorie e 8 sconfitte) e ben 12 pareggio. Il cannoniere è Mota Carvalho con 9 reti e un rigore poi segue Ettore Marchi con 5 gol e 2 rigori. Tra gli ex granata oltre a Marchi da rimarcare Brunori, goleador decisivo in Coppa Italia.
Juventus U23 (4-2-3-1):Nocchi; Di Pardo, Alcibiade, Coccolo, Frabotta; Toure, Fagioli; Del Sole, Rafia, Marchi; Brunori. All. Pecchia. A disp. Loria, Siano, Peeters, Portanova, Marques, Zanimacchia, Beruatto, Vrioni, Dragusin, Wesley, Delli Carri, Minelli.
Il Padova lo conosciamo abbastanza bene anche se nel mercato di gennaio aveva inserito molti atleti. Una squadra che ha il sesto miglior attacco con 35 gol segnati ma soprattutto la seconda miglior difesa dopo la capolista Vicenza con 19 gol subiti. Otto partite perse, 5 pareggiate e 13 successi. Nella squadra di Salvatore Sullo prima e oggi affidata a Mandorlini la grande delusione sono stati gli attaccanti dato che il goleador è Santini con 5 reti.
Nel primo turno dei play off il Padova ha eliminato la Sambenedettese (0 a 0) e nel secondo turno è toccato alla Feralpisalò (1 a 0). Tra gli ex granata spiccano Frascatore e Pesenti.
Padova: Minelli; Pelagatti (82° Castiglia), Kresic, Andelkovic, Frascatore; Buglio (54° M. Mandorlini) , Ronaldo (72° Nunes), Hallfredsson; Nicastro (72° Cherubin), Soleri, Čulina (54° Zecca). In panchina: Galli, Rondanini, Capelli, Baraye, Gabionetta, Litteri, Pesenti. Allenatore: A. Mandorlini
(Prima parte)

Wainer Magnani
ADMINISTRATOR
PROFILE

Articoli correlati

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. I dati necessari sono contrassegnati con *

Ultimi Articoli

Autori

Commentati

Video in evidenza