Il ds Doriano Tosi fa il punto su Varone, mercato e pre-campionato

Il ds Doriano Tosi fa il punto su Varone, mercato e pre-campionato

“Diana ha preso un provvedimento giusto ma anche nella norma, Chiesa sarà tesserato, la sconfitta a Lecco è salutare”

“Non c’è nessun caso Varone, è stato un provvedimento preso dall’allenatore nell’ambito della gestione del gruppo, come è nella logica”. La Reggiana vuole riportare l’episodio che ha visto il centrocampista Ivan Varone escluso dall’amichevole a Lecco nella sua giusta dimensione. Una scelta del tecnico Aimo Diana in relazione all’atteggiamento manifestato dal giocatore in allenamento. Un provvedimento da buon padre di famiglia e soprattutto da gestore di un gruppo di 25 giocatori. Diana è stato apprezzato, anche dai tifosi, per non aver nascosto le motivazioni che l’hanno portato alla sua decisione, ovviamente condivisa con la società.

“Ha fatto benissimo – sottolinea il direttore sportivo Doriano Tosi – sono decisioni che rientrano nell’ambito della sua gestione”.

Ivan Varone

Ma è riconducibile solo all’episodio di gioco accaduto giovedì mattina o c’è qualcosa d’altro?

“Solo quell’episodio. Chiunque si permette una reazione spropositata e mette fuori gioco un compagno di squadra viene punito. Capita cosi’ dalla serie A alla Terza categoria. Non vedo nulla di strano”.

E’ stato un gesto frustrazione?

“Non lo so ma credo che siano cose che accadono ma che non posso essere accettate. Se perdi un contrasto non puoi fare un intervento cosi’ duro e scomposto nei confronti di un tuo compagno”.

L’aspetto che fa discutere è che il protagonista di questo episodio sia stato Ivan Varone, un giocatore che ha più volte manifestato la volontà di lasciare la Reggiana per mantenere la serie B?

“Non posso vietare ai tifosi di avere questi pensieri o ai giornalisti di scrivere certe dietrologie. Non posso farci niente. A questo “gioco” debbo starci. Capisco che se capita a Varone nascono più sospetti rispetto a un neo acquisto ma io lo ricollego solo a un episodio. Forse è un periodo dove Ivan è poco tranquillo. Può darsi che nell’occasione abbia perso la bussola”.

Il ds Doriano Tosi

La sua posizione in termini di mercato è cambiata?

“Non abbiamo richieste. Non inseguo i desideri dei giocatori perché nella vita bisogna anche confrontarsi con la realtà e oggi la realtà non prevede nulla di concreto. C’è solo la sua volontà che trasmette ai suoi procuratori: cercate una serie B. Logico che non posso escludere che da qui al 31 agosto lo scenario possa cambiare ma al momento abbiamo la stessa situazione di un mese di un mese fa”.

Cambiamo argomento: qual è la sua considerazione dopo l’amichevole di Lecco?

“E’ stata la classica partita di pre-campionato. Diciamo che non ci siamo sintonizzati bene con l’avversario e il Lecco ha fatto una partita energica e cattiva. Ma pur sconfitti resta un confronto utile. Queste partite, soprattutto in trasferta, ne troveremo tante per non dire che saranno tutte cosi’. E’ stato un confronto salutare per farci ricordare quale campionato dovremo affrontare”.

Lorenzo Libutti

Si può parlare di una Reggiana che ha giocato poco senza palla, sia per il caldo sia una condizione atletica ancora approssimativa?

“E’ anche vero che a noi piace giocare con la palla tra i piedi. Nel primo tempo siamo stati meglio noi. Nel secondo tempo meglio il Lecco. Allo stesso tempo è doveroso rimarcare che il caldo, il campo stretto e la mancanza di brillantezza hanno inciso. Il mister ha voluto dare minutaggio a diversi giocatori che hanno pagato dazio. Nella nostra preparazione al campionato ci manca la partita col Brescia per avere più brillantezza, ritmo e intensità. Per questo motivo mercoledì giocheremo una partita contro una squadra di Eccellenza”. 

Luca Zamparo è apparso non in fiducia?

“Non so cosa significa questo concetto. Il suo atteggiamento è tale che sembra triste. Ci sono ragazzi che sprizzano gioia a prescindere, lui no. Da quando lo conosco sembra sempre triste e questo non lo aiuta ma fa parte della sua personalità”.

Forse avrebbe bisogno dell’incoraggiamento dei tifosi e di un gol?

“Lui è cosi’ anche quando fa gol”.

Il difensore Cauz

E’ una scelta voluta quella di avere dei difensori di importante stazza atletica?

“L’abbiamo pensata cosi’ tenendo conto che in mezzo al campo non abbiamo dei gigante e che i “rapidi” che giocano in avanti concedono molto sulla palle alte. Volevamo dei giocatori che sapessero reggere i duelli aerei anche sui calci piazzati. Abbiamo lavorato tanto su questo reparto che era quello che lo scorso anno mi piaceva di meno anno”.

Igor Radrezza sta cambiando ruolo: sempre più “tuttocampista” che trequartista offensivo.

“Più passa il tempo e più sono convinto che lo dobbiamo abbassare a centrocampo anche se è vero che da mezzala deve inserirsi per la fase offensiva”.

A livello numerico è un organico completo?

“Adesso sia a posto, sperando che non si faccia male nessuno”.

Il giovane Chiesa, che era aggregato, sarà confermato?

“Si, la prossima settimana lo tesseremo. Ha destato una buona impressione”.

Sta discutendo anche dei rinnovi di contratto?

“Adesso è presto. Dopo il 31 agosto faremo una valutazione che poi troverà uno sbocco a settembre anche in relazione a tanti aspetti tra cui il campionato che andremo a fare”.

Wainer Magnani
ADMINISTRATOR
PROFILE

Articoli correlati

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. I dati necessari sono contrassegnati con *

Ultimi Articoli

Autori

Commentati

Video in evidenza