Troppi gol subiti nei primi venti minuti della partita

Troppi gol subiti nei primi venti minuti della partita

Per 13 volte la difesa granata è andata sotto in avvio di partita e nelle ultime sei giornate solo due volte è riuscita nella rimonta ottenendo il pareggio. Come migliorare? In area di rigore bisogna marcare a uomo

Avere ancora la possibilità di agguantare la salvezza attraverso i play out significa anche migliorare i particolari, l’attenzione in campo e le scelte. Certo, a un mese dalla conclusione della stagione nessun allenatore può fare i miracoli perché i difetti congeniti di un singolo giocatore, di un reparto o della squadra non possono essere superati in cosi’ breve tempo.

E’ però vero che occorre scegliere bene gli uomini e lavorare sulla cura dei particolari.Un aspetto che va decisamente migliorato è il fatto che la Reggiana ha subito, nel corso della stagione, un gol nei primi venticinque minuti della partita. In pratica ha avuto un approccio non ottimale al match.

E questo è accaduto soprattutto nelle ultime sei partite con cinque gol in cassati nei primi venti minuti del match. Uno svantaggio che poi si è trasformato per tre volte in sconfitta (Cremonese, Monza, Empoli) e una volta è arrivato il pareggio (Cosenza). Contro il Brescia lo svantaggio (gol di Aye) è arrivato al 30’ del primo tempo. Se allarghiamo il ragionamento occorre evidenziare che solo 4 volte (due volte Brescia, Cosenza ed Entella) la Reggiana è riuscita a rimettere in equilibrio il risultato, vincendo poi la partita con l’Entella ma perdendo col Brescia.

Se invece prendiamo in esame la capacità di rimonta della Reggiana un volta passata in svantaggio occorre dire che il successo è arrivato solo con l’Entella dopo lo svantaggio di Brescianini (3’st) per due volte è riuscita a pareggiare: col Brescia grazie a Varone, col Cosenza sempre con Varone. A Brescia, invece, il gol di Radrezza che ha dato il momentaneo pareggio non è servito. Cosi’ come contro la Cremonese il gol iniziale di Costa ha regalato solo il pari.

Ma tornando al concetto iniziale, la Reggiana in questo finale di stagione ha subito troppi gol nei primi minuti della partita che poi ne hanno compromesso il risultato. Resta la domanda cosa fare per migliorare. Il primo elemento da chiedere a Rozzio e compagni è di riuscire a rendere la vita più difficile agli avanti avversari. Non è pensabile, ad esempio, subire un gol come è accaduto contro l’Empoli oppure i due go subiti contro il Brescia: errori di reparto che devono essere assolutamente evitati. Come? Prima di tutto applicando un vecchio principio: in area di rigore si marca a uomo.

Wainer Magnani
ADMINISTRATOR
PROFILE

Articoli correlati

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. I dati necessari sono contrassegnati con *

Ultimi Articoli

Autori

Commentati

Video in evidenza